Post in evidenza

Backpacking through Bulgaria and Romania




Post available in English and Italian

19.06.2019I wake up at 7 o’clock AM and have breakfast with my mum.

I’m super excited for this trip. In this travel journal I ‘m going to write about meetings with people and their stories , the bad and good parts of my days while travelling.

While I am waiting to catch the train for the airport I have a chat with a polish woman and a brasilian lady who hastaken on board. Sincerely this meeting has been useless for me.
Arrive in Sofia at 7.30 , I take a taxi just because it’s 5 euros. Super cheap! The driver is a young guy who has arab origin , I don’t have prejudices but this guy has not a good aura . At some point I see a sign that says to check the ID of the driver, I search for it maintaining rationality. I can’t find. Panic. I hug my backpack and I hope to arrive to the hostel.
I get off the taxi thanking God.

The Hostel is central near the Lion Bridge ; from the outside it looks like a vietnamese brothel , even on the inside. I’m received in a room that smells of deep fried , it seems to be in Chinatown.
The room I’m staying is a 6 female dorm , the girl who sleeps in the top of the bunk bed has covered her bed with cartons and gathered all her bowls in it. What the heck!

There is a voice who is calling me , it is a skinny blonde girl . She speaks in spanish ,my spanish isn’t fluent but I can understand it. She tells me she speaks just spanish. Her name ‘s Sara ,she lives in Barcelona where she studies architecture.We agree on going to Plovdiv .
I go to the nearerst supermarket and I buy rice cakes and hummus.
My dinner isn’t lonely ,there are some weird personalities but we like it this way.
Let’s introduce them:

-Guy , a fifty israeli man vegan anarchist and ex policeman . He practices yoga and works in the hostel here in Sofia.
-Kishora or something like that, an irish guy who studies geology and also quite edgy
-Pablo , I still don’t get his life, he’s mexican and probably he’s a singer or something related to music . He spreads happinessand he could be the stoner of the group.
While we are talking about progress and human being some guys come and leave plastic jugs of beer on the table. I don’t know how but we start drinking that beer and the italian receptionist who is a declared fascist plays italian songs. Him and I start to argue about italian politics making everyone laugh. Just good vibes.

1 am I ‘m going to sleep.


Nomade in Bulgaria e Romania





19.06.2018



Mi sveglio alle 7 e faccio colazione con mia madre .



Sono veramente felice di intraprendere questo viaggio . In questo diario di bordo scriverò gli incontri e le loro storie , le parti positive e negative delle mie giornate durante questo viaggio.



Mentre aspettavo il treno per andare all’aeroporto mi metto a parlare con una polacca e una brasiliana imbarcata nelle navi . Sinceramente non è stato un incontro che mi ha lasciato qualcosa.



Arrivata a Sofia alle 7.30 di sera , c’è ancora molta luce. Prendo un taxi visto che mi costa solamente 5 euro . Il taxista è un ragazzo giovane di origini arabe dall’aria losca , ma non ci bado troppo. Ad un certo punto noto un cartello sul finestrino che riferisce di controllare l’ID del conducente. Cerco di mantenere la mia razionalità e cerco questo ID che non trovo. In panico abbraccio il mio zaino sperando di arrivare a destinazione.



Scendo dal taxi ringraziando Dio.



L’Ostello è in zona centrale , vicino al ponte dei Leoni; da fuori sembra un bordello , ma anche dentro. Vengo accolta da un odore pesante di fritto , sembra di stare a Chinatown .



La stanza in cui dormo è una camerata femminile da 6 , la donna che dorme sul letto in alto ha riempito il letto di cartoni e ciotole. Chissà!!!



Da dietro sento una ragazza che mi chiama , ragazza sui vent’anni bionda e magra . Mi parla in spagnolo , la mia conoscenza dello spagnolo è veramente scarsa ma lo capisco. Mi dice che non parla inglese che si chiama Sara e vive a Barcellona dove studia architettura. Ci accordiamo di andare insieme a Plovdiv , città a 2 ore da Sofia.



Alla ricerca di cibo trovo un Billa dove compro delle gallette di riso e dell’hummus .



La cena in ostello è accompagnata da chiacchiere con personaggi alquanto strani, ma a noi ci piace cosi.



Presentiamoli:



Guy , un cinquantenne israeliano anarco-vegano ex poliziotto. Pratica yoga e lavora in questo ostello a Sofia .



Kishora , penso si scriva cosi, ragazzo irlandese sui venticinque anni studente in geologia .



Pablo , ragazzo messicano di cui non ho ancora capito cosa faccia nella vita. Forse il cantante lirico. Ma una cosa la so ha la faccia di uno che è sempre fatto, diffonde allegria e felicità.



Nel mezzo della nostra conversazione riguardante il progresso arrivano dei tizi con boccioni di birra da 2 litri di plastica le appoggiano sul tavolo e se ne vanno , non so chi o come , iniziamo a bere questa birra .Il receptionist italiano ex carabiniere di genova fascista mette canzoni italiane e non . C’è un bel clima .



All’ una di notte torno in camera e vado a dormire .






Annunci

Bucharest and thoughts




Post available in English and Italian

25.06.2018
Travelling alone is the most satisfying , indescribable ,freeing thing you could experienced , it simply expands your horizons and makes you  realise the importance of exploring and not living in one place all the time. Travelling on your own has also great advantages for you. Travelling to other countries in the world will show you the importance of relying on yourself in difficult situations Unexpected situations will come , and you will be saying to yourself <<what the hell are you doing abroad alone? >> But then you will find a solution staying calm , even if it is the hardest thing to do; learning how to rely on yourself.




I had a lot of unexpected situations like being accused twice of stealing from a creepy old man and a drunk girl (Berlin and Krakow), stopped twice thieves in Bulgaria, or being threatened because I’m a solo female traveller, it happened in Prague.




But yesterday night was the first time I said to myself <<Iride what the hell are you doing here? Go home >> I woke up feeling ,faint I’ve never felt this bad , I showed my fragile part crying in the hall due to the high fever. I would liked to have someone with me but I relied on myself. Unexpected situations help you grow and make you stronger .




Once you are out there on the road on your own you will be faced with decisions you need to make, fears you need to overcome and discover your true self and how much you are capable of. Travelling exposes you to raw experiences where you get to know the person inside you, that little kid that always wanted to travel, wander, expand and grow as a human being through exploring different places around the world. You will live and feel now. A destination far away might help you find answers about your true purpose in life and what is it you are really meant to do.




In the morning  I go to the pharmacy to buy medicine for fever and sore throat , despite feeling sick. I can’t eat or drink but I need to strain myself and  drink some coffee . I sit in a cafè and write my thoughts.




I decide to do the free walking tour despite my illness , the guide is super interesting and polite. She gives us a lot of informations. Bucharest is the capital and largest city of Romania, as well as its cultural, industrial, and financial centre. Bucharest was first mentioned in documents in 1459. It became the capital of Romania in 1862 and is the centre of Romanian media, culture, and art. Its architecture is a mix of historical (neo-classical), interbellum (Bauhaus and art deco), communist era and modern. In the period between the two World Wars, the city’s elegant architecture and the sophistication of its elite earned Bucharest the nickname of “Little Paris” . Although buildings and districts in the historic city centre were heavily damaged or destroyed by war, earthquakes, and above all Nicolae Ceaușescu’s program of systematization, many survived and have been renovated. In recent years, the city has been experiencing an economic and cultural boom.




I win the free walking tour lottery , a unique pottery. I share my lunch with 2 hobos . I notice that romanians are rude, not friendly  and not polite , I had lot of expectations of this country but I’m not living well this country. I spend the rest of the day in the hostel due to high fever. I have a good chat with the receptionist Alex and the owner of the hostel. She is a young lady , super kind and friendly. The evening I stay in and have a chat with some Israelis graguys.



Bucarest e pensieri





25.06.2018




Viaggiare da sola è la cosa più liberatoria , soddisfacente , indescrivibile che possa esistere , ti aiuta a crescere ed a rinforzati . Ma non sono tutte rose e fiori esistono gli imprevisti , che ti fanno dire ma che cavolo sto facendo qui da sola sperduta in un paese straniero , ma poi riesci a trovare una soluzione cercando ti rimanere calma ( non sempre è facile).




Me ne sono successi di imprevisti come l’ essere accusata ben 2 volte da un matto e un’ubriaca di aver rubato il passaporto e i soldi (Berlino e Cracovia) , aver “fermato” ben 2 volte dei ladruncoli bulgari che cercavano di rubare nell’ostello , essere “minacciata ” da qualche soggetto esterno perché donna non accompagnata.




Ma ieri sera penso sia stato il momento in cui veramente mi sono detta << Iride ma perché viaggi da sola ? Tornate a casa e stop>> , si perché ieri sera persa in un ostello in Romania mi sono svegliata con una febbre altissima , tanto da dimostrare che sono anche io fragile alle persone che mi circondano. In quel momento avrei voluto un compagno di viaggio che mi aiutasse ma invece sono riuscita a prendermi cura di me stessa.




Con questo non voglio dire che viaggiare soli sia brutto anzi , gli imprevisti sono ciò che ti fanno crescere e ti fanno dire << Si , so come gestire una situazione non troppo positiva.>>




La mattina sono riuscita ad uscire nonostante la febbre alta  , sono andata in farmacia a comprare delle medicine . Non riesco né mangiare né bere  ma per prendere il paracetamolo devo sforzarmi di bere un caffè. Mi siedo in un cafè dove scrivo e cerco di bere il caffè freddo.




La giornata la passo a fare un free walking tour per la città nonostante il mio stato febbricitante . La guida da molte notizie interessanti della città portandoci nei posti d’interesse della città. Bucarest è la capitale e la città più popolosa della Romania ed è la sesta più popolosa dell’Unione Europea. Posta nel sud del Paese, sul fiume Dâmbovița, è il maggiore centro industriale e commerciale del paese. La prima menzione della località appare nel 1459. Nel 1862 divenne la capitale dei Principati Uniti; da allora ha subito cambiamenti continui, diventando il centro della scena artistica, culturale e mediatica rumena. L’architettura elegante e l’atmosfera urbana le portarono durante la Belle Époque il soprannome di “Piccola Parigi”, anche se diversi edifici e quartieri del centro storico furono danneggiati o interamente distrutti dalla guerra, dai terremoti e dal programma di sistemazione di Nicolae Ceaușescu. Negli ultimi anni, la città ha vissuto un boom economico e culturale ,soprattutto dopo l’integrazione europea nel 2007.




Vinco la lotteria del free walking tour, una piccola ceramica fatta in un villaggio patrimonio dell’unesco.Condivido il mio pranzo con due barboni.Noto però che i rumeni ,sia giovani che anziani , sono maleducati , sono venuta qui in Romania con alte aspettative  ma la febbre e  le persone me le stanno  smontando tutte. Passo il resto della giornata in ostello a parlare con la proprietaria e il receptionist Alex.  Lei è giovane e molto gentile . La sera rimango in ostello a chiacchierare con due israeliani e Alex.

Rain , Fever and Romania


Post available in English and Italian
23.06.2019

I wake up early , it seems a beautiful day yesterday was a bit cold so I decide to wear a hoodie . While I start walking it starts raining and wind blowing, oh f***! I enter in a cafè and I have breakfast , Australians would say brekkie . Even if it is raining ,I don’t care a lot because I’m going to the National Gallery that opens at 9 o’clock. I walk through wind and rain with just a hoodie and a pair of shorts , I hope not to show symptoms of an illness. I arrive to the Gallery and discover that it will open at 10 o’clock, is karma joking with me? The first museum building housing the National Gallery was the Royal Palace. Today, temporary exhibitions of Bulgarian and foreign art are on display in its halls. The Palace was built immediately after the Liberation of Bulgaria from Ottoman rule (1878) and following the selection of Sofia as the capital (1879).  When the doors are opened I walk in looking like a drowned rat. I walk through paintings , royal objects , mirrors .The paintings displayed are inspired by religion and myths. Downstairs there is a temporary exhibition dedicated to Nadar, it’s super interesting .At 11 and half I go to the Sofia art gallery , over the years, Sofia Art Gallery has established itself as an important cultural space for the capital city. In 2006 it started its branch – the Vaska Emanouilova Gallery, which holds a collection of 89 sculptures, 38 drawings and 48 watercolours of the famous Bulgarian sculptress, part of which are displayed in a permanent exhibition. Today, the museum has four departments: painting, sculpture, graphics, contemporary art and photography, and the collection consists of more than 8,000 works of Bulgarian artists from the end of 19 century to date. Part of its sculptures are arranged in the open in the City Garden. The sky is still grey but  at least it stops raining.

The afternoon the blue sky is back even the sun , so I decide to simply wander aimlessly. I start walking from the Aleksandr Nevskij Cathedral, I walk through streets and trees , among people, spotting little corners that amaze me  . I watch my feet take steps across the glossy tiles, my dusty canvas sneakers next to the shined pointed-toe leather shoes of passing students .I walk and think. Thinking about life and how I want to embrace it , I want art galleries, I want the ocean, I want to write and read , I want to get lost , I want to travel , I want to feel. I see myself as a woman who walks,  shoulders back, yet eyes frequently checking her own appearance; it is as if she felt superior and insecure all at once, perhaps that’s the emotional optimum in a shallow society. I could tell I’m real happy with who I’m, eyes on the sky, the trees and the birds, music in my soul as much as my ears.

I go to bed early after chatting with strangers.

24.06.2019

The bell wakes me up at 5 , but I keep sleeping thug with difficulties. At 6.30 the bell is still ringing, I want to know what is going on. I go downstairs and 2 bulgarians (probably thieves) want to enter in . I don’t trust them , so I go back to sleep. I wake up at 8.20 .

My throat is killing me , with the few levs remained I go out and search for a pharmacy. But in the end I didn’t find it opened. So I give the levs to an homeless .I chat with Pablo before going to the bus station where I have to catch the bus for  Bucharest at 11.30. I sit in the back , inserted in my ear the earbuds the 8 hours of bus can starts.8 hours full of sunflowers , fields , cities with soviet vibes , trees , villages ,animals. We cross the Danube and the customs . The 2007 enlargement of the European Union saw Bulgaria and Romania join the European Union (EU) on 1 January 2007. An article published on the 1.1.2007 refers “The New Year celebrations on the 31st of December 2006 were unusually noisy in Bucharest and Sofia. At last, two and a half years later than their central European neighbours, and 6 months later than originally envisaged because of concerns about the pace of reform of criminal justice systems and measures to tackle corruption, Romania and Bulgaria joined the European Union. Accession is likely to bring further economic growth. But will health also improve? Life expectancy at birth is at the bottom of the European Union league although in Bulgaria, and a little more unsteadily in Romania, it has been increasing rapidly since the late 1990 s.  However, it cannot be assumed that this progress will continue. Rapid gains in life expectancy seen in Hungary in the years leading up to its accession have since slowed markedly while, in both Latvia and Lithuania, life expectancy in 2005 was lower than in 2004.”

We arrive at 17.20 , so I head to the Hostel. I catch the underground and get off to Piata Unirii.I walk along a long boulevard . The Hostel is near the old hospital , but the block is crumbling , full of mud . But the Hostel is quite nice . The shower is decent , finally, after the hostel in Bulgaria that had sink, toilet and shower in a little room , and the shower was just a tap. After a good shower I lay down for a bit watching a film , I fall asleep without knowing .

At midnight I wake up with high fever , sore throat, chills and hallucinations. I go to the hall in search of a duvet. While waiting I try to call my mum , but she doesn’t answer.I call my brother because I need a familiar voice . The phone is ringing , due to the high fever when my brother answers I start to cry . After taking the duvet and a tablet I go to bed.

Pioggia , febbre e Romania

23.06.2018

Mi sveglio , sembra una bella giornata però ieri faceva un po’ freddo quindi decido comunque di portarmi la felpa dietro . Esco dall’ostello verso le 8.30 appena passo il ponte dei leoni inizia a piovere e tira vento. Faccio colazione in un bar per ripararmi dalla pioggia, tanto oggi ho deciso di andare in due musei d’arte che dovrebbero aprire alle 9 quindi non dovrei bagnarmi o prendere freddo .

Mi incammino verso la Galleria Nazionale sotto la pioggia con solo una felpa col cappuccio a coprirmi e un paio di short neri che lasciano le mie gambe nude, maledizione ieri non pioveva e avevo i pantaloni lunghi , penso sia il karma o qualche energia negativa! Almeno tra poco arriverò alla Galleria e mi riparerò dalla pioggia. Arrivo alla Galleria e scopro che apre alle 10, ma scherziamo? Il palazzo che accoglie la galleria era prima il palazzo reale , il colore giallo della facciata è simbolo di regalità. Appena apre mi fiondo dentro , ho la felpa completamente bagnata . Speriamo di non beccarmi un accidente. Giro per la galleria , piena di specchi e sedie regali . Sono esposte opere bulgare ma anche straniere , molte opere religiose e mitologiche. Al piano di sotto c’è una esposizione di Nadar , sono esposte molte delle sue opere , è molto affascinante .Sono le 11 e mezzo e vado nel Sofia City  Art Gallery,sono presenti opere molto rappresentative della modernità e del suo rapporto con l’uomo. Mentre sono dentro i musei smette di piovere ma il cielo rimane grigio come quello di Milano in una giornata di gennaio.

Il pomeriggio torna il sole e il cielo azzurro , e quindi mi concedo il piacere di bighellonare a giro per Sofia . Passo per la cattedrale Aleksandr Nevsky , poi per una strada piena di negozi particolari e alberi , passo per delle piccole strade che danno l’impressione di essere in qualche città turca . Il verde degli alberi mi riempe gli occhi ed il cuore , la natura dovrebbe poter essere integrata con l’architettura più spesso. Passo per  dei parchi pieni di persone dato che è il week end e quindi è possibile concedersi il piacere di un tramonto al parco bevendo una birra con gli amici. Cammino e rifletto. Penso a come voglio vivere la mia vita , voglio musei ,voglio arte, voglio l’oceano e la sabbia, voglio poter cantare ,voglio guidare, voglio scrivere tanto,voglio leggere,voglio viaggiare , voglio conoscere me stessa , voglio potermi sentire parte di ciò che mi circonda , voglio poter provare emozioni davanti alle storie altrui. Cammino tra le persone e mi sento un universo a sé stante, sento le vibrazioni della musica in tutto il corpo.

La sera passa con malinconia tra chiacchiere con sconosciuti  e musica sbagliata. Vado a letto presto .

24.06.2019

Vengo svegliata alle 5 dal campanello che suona ininterrottamente , mi rigiro nel lettino e alle 6.30 mi alzo e vado a vedere cosa succede . Due bulgari (ladruncoli) cercavano di farsi aprire la porta inventandosi scuse come che si erano dimenticati le chiavi e altre storie .Torno di sopra e mi ributto a letto , sempre accompagnata dal campanello che suona ininterrottamente. Mi addormento e alle 8 e 20 riapro gli occhi .

Ho la gola che mi brucia e la tosse . Con gli ultimi lev rimasti esco a cercare una farmacia che comprare qualcosa ; la spedizione non va come speravo ma almeno riesco a dare i restanti soldi ad un’anima salva che ho visto spesso durante questi giorni passati qui in Bulgaria.Mi faccio una chiacchierata con Pablo in ostello , ci facciamo le ultime risate insieme . Alle 11 esco dall’ostello per andare a prendere il pullman che mi porterà delle 11 e mezzo che mi porterà a Bucarest. Su questo pullman litigo con un tizio che sostiene che devo pagare il mio posto a sedere , il conducente nega il tutto. Mi siedo in fondo al pullman , mi infilo le cuffiette ed iniziano le otto ore di viaggio. Otto ore in cui vedo campi di girasoli , alberi , città in stile sovietico, piccoli villaggi contadini , mucche e galline . Passiamo il Danubio e la dogana.  Dal 1º gennaio 2007 la Romania fa parte dei Paesi  membri dell’Unione europea,come la Bulgaria; ecco come un articolo del 31.12.2006 descrive questo evento “I cittadini romeni, dopo cinque decenni di comunismo e 17 anni di transizione, festeggiano un Capodanno speciale, quello dell’integrazione nell’Unione Europea. Quelli bulgari fanno altrettanto. Nelle città e soprattutto nelle capitali le autorità hanno organizzato spettacoli e festeggiamenti per la data storica: Romania e Bulgaria, dal 1 gennaio 2007 diventano a pieno titolo paesi europei: l’Europa si allarga così a 27 Stati membri.” Il paesaggio  cambia ma non troppo , girasoli , campi , villaggi composti da pochissime abitazioni e qualche alimentari, animali a zonzo e molta strada.

Arriviamo alle 17.20 , mi dirigo quindi all’ostello . Prendo la metropolitana e scendo in Piata Unirii. Mi faccio a piedi un lungo viale fino al mio ostello che si trova vicino ad uno dei più vecchi ospedali di Bucarest. L’ostello non si trova su questo viale ma in una traversa laterale la quale non è nemmeno sterrata. E’ una zona fatiscente . Ma l’ostello è recente e molto carino. E’ giunto il momento di citare le docce dell’ostello in cui stavo in Bulgaria , uno stanzino in cui non si potevano nemmeno stendere le braccia ; le cito perché finalmente posso farmi una doccia decente dopo quasi una settimana . Dopo la doccia mi sdraio sul letto mentre guardo un film di Aldo , Giovanni e Giacomo , questa è una mi tradizione acquisita in Polonia , ogni volta che viaggio me ne devo guardare almeno uno. Mi addormento , forse alle 7 e mezzo , sono letteralmente svenuta dalla stanchezza.

A mezzanotte mi sveglio con una febbre altissima, il tremore , la gola infiammata e le allucinazioni. Scendo giù nella hall alla ricerca di un piumone . Mentre aspetto con le lacrime agli occhi chiamo la mia mamma , non mi risponde , allora provo a chiamare mio fratello per sentire una voce familiare. Il telefona squilla , la febbre è  cosi alta che mi metto a piangere appena sento la voce di Jacopo,mi  consola e mi da qualche consiglio. Recuperato un piumone e preso del paracetamolo, mi dirigo in camera e mi metto a dormire.

Hobos and thieves

Post available in English and Italian

22.06.2018

I wake up at 8 o’clock, 4 hours of sleep what else?

Sara and I hang out because this afternoon she will leave ; we grab a coffee and we walk towards the cathedral because Sara wants to take me to a second hand market where ancient stuff are sold. While walking we talk about how we connected quickly even if we don’t speak the same language , we talk even about our lives.

We arrive 15 minutes later in front of the Alexander Nevsky cathedral which is breathtaking.The second hand market is adjacent , there are a lot of stalls that sell pins of Lenin or Stalin , old cameras , old pictures , weapons , hats and lots of USSR gadgets. . Then we stroll around talking about everything, crowded places , many faces but we keep talking. She has an incredibile idea , let’s go to the Banya Bashi mosque! We arrive to the mosque , we take the shoes off and wear a green tunic with  hoodie  . She studies architecture so she explains to me the mosque . I’m amazed by the roof , colourful and joyful. After a bit we go back to the hostel where we meet Paul, the French guy, and he offers us to go eat in an Italian restaurant nearby so we can stay together before Sara leaves. Yes , It could sound as a joke ; an Italian , a spaniard , a French in an Italian restaurant in Bulgaria.I don’t want to finish my pasta, because i want to share my lunch with a homeless couple (in the title I used Hobos because I’m studying Anderson and lovin the hobo),so I ask for a doggy bag. I give my food to the couple that smile to me and thank me . This is a lesson I ‘ve learned travelling , share with people can help not just them but also to help people.

I spend the afternoon in the Hostel with Sara ,Paul and Kishora talking and listening to shitty music . At 4 Sara and Kishora leave the hostel. I do the laundry , while doing it a guy enters from the behind door and says << Hostel?>> , I say yes and this guy disappears. Confused I walk to the rooms upstair and he was looking around furtively. I say << Sir the reception is downstairs>> and he jumps off the stairs . In front of Guy , the Israeli man , the thief remains in silence. Guy understands that he is a thief , so he says to go away. Guy thanks me .

The evening is melancholy , I talk with  a couple if italians  and an eldery man who supports that I’m escaping from home just because I’m wearing  tracksuit pants , a green hoodie , my anklets but mainly from my stray face.

I go to bed early.


Vagabondi e Ladri

22.06.2018

Mi sveglio alle 8 , 4 ore di sonno saranno troppe?

Io e Sara usciamo insieme dato che oggi pomeriggio lei parte; ci prendiamo un caffè al volo e ci incamminiamo verso la cattedrale perché Sara mi vuole portare ad un mercatino di oggettistica antica. Mentre camminiamo parliamo di come ci siamo subito legate nonostante le barriere linguistiche, ci raccontiamo della nostra vita nelle nostre rispettive città.

 Arriviamo dopo 15 minuti o forse di più davanti alla cattedrale Alexander Nevsky , che non so se l’ho già scritto ma è veramente mozzafiato . Il mercatino è proprio nella piazza antistante , ci sono bancarelle che vendono macchine fotografiche  , pistole, vecchi cappelli , fotografie del secolo scorso, spille come Lenin o Stalin e fiaschette con sopra il marchio della CCCP ovvero l’URSS. Compro una spilletta con falce e martello da buona politologa . Giriamo un po’ per la città sempre parlando di tutto , passiamo per strade piene di persone ma niente ci distoglie dalle nostre chiacchiere .Ad un certo punto mi chiede se sono entrata nella Banya Banshi moschea della città ed io rispondo negativamente. Allora mi dice che dobbiamo andarci perché è architettonicamente molto bella , ribadisco lei studia architettura e design. Arriviamo alla moschea dove per entrare dobbiamo toglierci le scarpe e indossare un mantello col cappuccio verde , sembro una monaca cappuccina . Entriamo e noto subito il tappeto persiano rosso che ricopre il pavimento , Sara mi dice di salire delle scale dentro una piccola di porticina per salire sopra al soppalco da dove posso vedere la moschea dall’alto. Le scale sono claustrofobiche , riesco ad arrivare in cima e da li vedo la moschea dall’alto , il tetto è meravigliosamente affrescato.

Torniamo in ostello per ora di pranzo , decidiamo di andare con Paul a mangiare in un locale italiano li vicino. Si sembra una barzelletta , un francese , una spagnola , una italiana in Bulgaria in un ristorante italiano. Decido di non finire la pasta perché voglio condividere il mio pasto con una coppia di senzatetto che ho visto mentre venivamo , cosi mi faccio dare  una doggy bag. Do questo pacchetto a questa coppia di Anime salve che mi ringraziano con sorrisi e strette di mano. Penso che viaggiare mi abbia dato questo grande insegnamento ovvero ‘’Condividi con gli altri ne vedrai il risultato’’ ma anche aiutare gli altri aiuta non solo loro .

Il resto della giornata la passo con Sara ,Paul e Kishora in ostello a chiacchierare e ascoltare musica alquanto zarra.Verso le quattro e mezzo Sara e Kishora partono. Io faccio il bucato e l’asciugo in ostello, mentre aspetto entra dall’entrata posteriore dell’ostello un brutto ceffo che chiede se quello è l’ostello, rispondo di si e scompare. Io confusa esco dalla cucina e vado su per le scale e lo vedo che si aggira in modo furtivo per le stanze allora li con tutta la faccia da culo che mi ritrovo esclamo << Signore la reception è giù, se vuole la accompagno>> , sorpreso scende le scale prima di me . Davanti al receptionist ovvero Guy , l’israeliano ex poliziotto anarco-vegano, si ammutolisce e Guy capisce al volo che si tratta di un ladruncolo e quindi lo mette un po’ alle strette ed allora se ne va . Guy mi ringrazia di aver avuto occhio di andargli dietro .

La sera è malinconica , chiacchiero con 2 signori bolognesi e un vecchio che sostiene che sono una scappata di casa data la tuta , la felpa verde militare più grossa di me , le cavigliere ma soprattutto il mio fare da sbandata , lo sto citando testualmente. Passo la sera anche con Pablo  ma vado a letto ad un’ora decente visto la mia stanchezza.

Plovdiv , an ancient city

Post available in English and Italian

21.06.2019

Sara wakes me up a 6.50 , meh. We take the bus at 8 o’clock direction Plovdiv. The worst bus trip of my entire life, but at least the view is interesting, lots of sunflowers and trees. We arrive at 10.30 , we want to do the free walking tour.We walk but none of us know the way .We get lost. But at least we start to be ourselves , we sing Spanish songs and mix languages to communicate  , we laugh a lot .We read online to know what to do because we miss the tour.

Plovdiv  is the second-largest city in Bulgaria. It is an important economic, transport, cultural, and educational center. There is evidence of habitation in Plovdiv dating back to the 6th millennium BCE, when the first Neolithic settlements were established; it is said to be one of the oldest cities in Europe. During most of its recorded history, Plovdiv was known in the West by the name Philippopolis  after Philip II of Macedon conquered the city in the 4th century BCE. The city was originally a Thracian settlement and subsequently was invaded by Persians, Greeks, Celts, Romans, Goths, Huns, Bulgars, Slavs, Rus people, Crusaders, and Turks. On 4 January 1878, at the end of the Russo-Turkish War (1877–1878), Plovdiv was liberated from Ottoman rule by the Russian Empire army. It remained within the borders of Bulgaria until July of the same year, when it became the capital of the autonomous Ottoman region of Eastern Rumelia. In 1885, Plovdiv and Eastern Rumelia joined Bulgaria.

The city has historically developed on seven syenite hills, some of which are 250 metres (820 feet) high. Because of these hills, Plovdiv is often referred to in Bulgaria as “The City of the Seven Hills”, but the only city that can be called like that is Rome for me…..I’m a proud Italian.

On 5 September 2014, Plovdiv was selected as the Bulgarian host of the European Capital of Culture 2019 alongside the Italian city of Matera

We walk  through anfitheatres , trees , a mosque ; the center of the city is a jewelry .It seems to be in Greece. We walk a lot , we enter in a little shop , a nostalgic one ,as i like, with a lot of pins , old pictures and postcards.

It ‘s too hot to continue going , 32 degrees ,so we stop to drink a cold beer in a garden bar and we chat, we chat a lot even if we speak different languages but it’s like being sisters , we talk for 2 hours . And we have lunch.

In the afternoon we stroll around the city , we pass through a slum where dogs are super skinny , people stare at us and there is an awful smell. At the end the hot weather wins, we lay down in a park , a green park . We decide to take the bus at 4 and 30 so we can arrive early in Sofia. While we walk through the park we find “The singing fountains” , a place full of water , we start playing with that. We take the bus and arrive to Sofia at 6.

In the evening I chat with a stalinist who pours whiskey to me as if he was a bar tender, having a trotskyist opinion the verbal conflict was unavoidable. Stalin and Trotsky were philosophical materialists, committed to the unity of theory and practice and bent upon spreading Communism throughout the whole world. While Lenin was alive (at any rate until 1922) both men had a secure place in his favor and therefore in the party as a whole. Since 1917, at least, Trotsky had supported Lenin on the main issues and seemed to have more of his candor and flexibility than Stalin. However, as Lenin sickened and died, the mutual antagonism between Trotsky and Stalin, who had never been compatible, deepened into a life-and-death struggle. The guy continues to support  how Stalin was the perfect choice for the succession of the USSR and how the ethic and morality of the regime was perfect. I can’t shut up and start being me basically , showing up facts, Ucraine , Gulags and so on. I talk about communism , Marxism , politics , history with Kishora and the Stalinist guy but at 2 he so drunk so he leaves. Me and Kishora chat about philosophy and European Union and its policies.

At 3 the police arrives at the hostel due to some guys playing loud music.

At 4 I go to bed exhausted.

Plovdiv , una città antica

21.06.2019

Sara mi sveglia alle 6.50 , meh.Usciamo con direzione fermata degli autobus per andare a Plovdiv con bus delle 8.00 . Il viaggio più scomodo della mia vita , ma la vista è molto interessante , alberi e campi di girasoli. Arriviamo alle 10.30 vogliamo fare il free walking tour. Cosi ci incamminiamo ma nessuna delle due sa la strada .Ci perdiamo. Ma almeno iniziamo ad essere noi stesse , iniziamo a cantare canzoni spagnole per comunicare e ridiamo , ridiamo molto ma ci connettiamo bene nonostante la barriera culturale , lei non parla inglese, allora mischiamo lingue e gesti.

Leggiamo online che cosa fare visto che perdiamo il tour.Plovdiv anche nota in italiano come Filippopoli è una città della Bulgaria, capitale storica della Tracia e la seconda città del paese dopo la capitale Sofia. La città è da sempre punto di riferimento di varie culture e per le sue articolate e millenarie vicende storiche come Persiani, Greci,Celti,  Romani, Goti, Unni, Bulgari, Slavi, Russi e Turchi. La città è nota per la bellezza del suo centro storico in stile rinascenza bulgara (ovvero il Rinascimento bulgaro di inizio Ottocento), uno dei meglio conservati della nazione. Il 17 ottobre 2014 è stata designata, insieme a Matera, come capitale europea della cultura 2019.

Camminiamo tra anfiteatri , alberi , una moschea , mattonelle a vista ; il centro è un gioiellino con qualche turista qua e la. Camminiamo molto, sembra di essere in una città greca,finiamo in un negozietto molto  nostalgico , come piace a me ,  tra spillette comuniste , foto dello scorso secolo e cartoline; ma fa veramente caldo quasi 32 gradi cosi ci fermiamo in un bar in un grandissimo giardino e prendiamo una birra , e iniziamo a chiacchierare di tutto ci connettiamo come sorelle divise alla nascita ,parliamo per quasi due ore che volano come uccelli alla fine dell’estate. E quindi pranziamo li in quel locale all’aperto .

Il pomeriggio lo passiamo a vagabondare per la città arrivando fino a un quartiere malfamato dove bruciavano cassonetti , cani malnutriti e gente che ci importunava.

Alla fine il caldo che ci attanaglia ha la meglio , ci sdraiamo in un parco. Decidiamo che è l’ora di andare verso la stazione dei pullman se vogliamo arrivare ad un’ora decente a Sofia.Mentre camminiamo per il parco troviamo un luogo pieno di fontane e acqua  , che scopro successivamente chiamarsi “The singing fountains”, allora ci iniziamo a schizzare come due bambine. Prendiamo il pullman delle 4 e mezzo , io mi addormento . Arriviamo alle 6 a Sofia , finalmente una bella doccia dopo una afosa giornata.

La sera mi trovo a chiacchierare con uno stalinista slovacco che mi versa whiskey nel bicchiere come se fossimo in un bar e lui fosse il barista, avendo una posizione trotskista il conflitto verbale è inevitabile . Il ragazzo continua a sostenere come la morale e l’etica stalinista andrebbe rivisitata e applicata ai giorni d’oggi, ed io ovviamente non sono riesco a stare zitta  , sostenendo la storpiatura della teoria marxiana e le atrocità del regime sotto Stalin , dall’Ucraina alla Siberia. Parliamo di morale , etica , comunismo , utilizzo delle armi nella polizia unendosi anche Kishora al di fuori dell’ostello. Arriva un algerino con cui facciamo amicizia. Alle 2 lo slovacco è troppo sbronzo per continuare a conversare , rimaniamo io e l’irlandese parliamo di filosofia e Unione Europea .

Alle 3 e mezza arriva la polizia in ostello data la troppa confusione generata da dei tedeschi e altre persone.

Alle 4 vado a dormire

Sofia , the city of outsiders

Post available in English and Italian

20.06.2018


I wake up and this is an achievement, no one has killed me during the night!

I go out and start wandering around the city. Sofia itself has a history of nearly 7000 years,with the great attraction of the hot water springs that still flow abundantly in the centre of the city. The celtic tribe Serdi gave their name to the city. Around 29 BC, Sofia was conquered by the Romans.In the 3rd century, it became the capital of Dacia.Many remains of the ancient city have been excavated and are on public display today. At the end of XIV° sec  Sofia was seized by the Ottoman Empire. Sofia was relieved from Ottoman rule by Russians forces on 1878.

All this history is visible from the buildings around the city . Before my departure I have watched a documentary about Sofia so I can see the history from buildings mainly in the side streets since I describe myself as a flaneuse.

While walking I notice a mosque near a synagogue , I ask myself if and how these 2 religions could cohabit or wheter there were conflicts.

In 1900 the first electric lightbulb in the city was turned on.

Stanislav answers to my question later on the day , let’s introduce Stanislav: he’s the guide of the Free Walking Tour but in reality he’s an actor known here in Bulgaria, anyway the main thing is he is handsome. He explains to me that the square is called ”Tolerance Square” because there are the Banya Bashi mosque , a synagogue, an ortodox church and a catholic one.He underlines the peace among these religions. There is no conflict. No animosity. Just people living life and expressing love for what matters to them. The only real enemy is closed mindedness. Bulgaria’s motto is ‘Unity Makes Strength’ thisshows that over time, co-existence is much stronger and resilient than conflict.

Personally I highly recommendthe Free Walking tour if you pass to Sofia, it starts from the Justice Palace and arrives to Cathedral Aleksandr Nevskij.It is a nice walk . In the group there are twofat australians with red faces, but quite clever.Stanislav asks us questions about history or politics and in reward there are honey candies traditional of Bulgaria.I drink the hot water because the guide said it helps a lot with health , but i need a miracle, probably medjugorje .We arrive after 2 hours of tour , it was super interesting and useful, but now it too hot it seems to be ina desert but without camels.

I start loiter , strolling around narrow streets , full of people ,colors , smells of spicies and food.I don’t know where I am and I really do not care , I want just to observe people and buildings , modernity Baudelaire could say if he was still alive . I just walk , and walk alone being proud of being a woman , happy to live life to its full. I’m living right now appreciating it . (HIC ET NUNC)

Inotice the streets crowded but full of ignorance ,hate , love passione , I see the human being.I see also a lot of Hobos and I smile to them ,share my lunch with them ,give some coins. Hobos and me flaneurs , observing the modernity and by ‘modernity,’ I mean the ephemeral, the fugitive, the contingent, the half of art whose other half is the eternal and the immutable…

Back to the hostel I’m enthusiast by Sofia , I came here without expectations.

I spend the night with Sara the Spanish girl , Kishora the irish guy , and Paul , a funny French guy. We chat , People go and come , I find my self with Pablo the Mexican drinking beer and laughing a lot because we joke in Italian , Spanish and English about everything.

I go to the room at 1am at the floor is completely wet , probably I should say flooded. So at 1 am me and the receptionist start mopping with towels … It was funny somehow.

I go to bed at 2 am.

Sofia , la città delle Anime Salve

20.06.2018


Mi sveglio e già questo è un raggiungimento, nessuno mi ha ucciso durante la notte!

Esco ed inizio a vagare per la città. Sofia è una città che risale al VII secolo a.C. ed è la terza capitale più antica d’Europa, principalmente per l’acqua calda che scorre nel centro della città . Ha avuto molti nomi nel corso della sua storia e i resti della città antica sono visibili ancora oggi. Sofia fu in origine un insediamento dei Traci chiamato Sardica. Venne conquistata dai Romani e divenne la capitale della Dacia. Sotto i Bulgari venne rinominata Sofia (che significa “saggezza” in greco) nel XIV secolo. Sofia venne conquistata dall’Impero Ottomano nel a fine XIV secolo. Conquistata dai Russi nel 1878, divenne la capitale della Bulgaria indipendente nello stesso anno.

Tutta questa storia la noto subito dagli edifici presenti in città. Qualche giorno prima della mia partenza ho visto un documentario proprio su Sofia e quindi da buona flaneuse riscontro le informazioni acquisite nelle traverse mentre aspetto il free walking tour.

Mentre cammino noto la presenza di una moschea vicino a una sinagoga , mi domando se e come queste 2 religioni potessero convivere o se ci fossero stati conflitti.

La risposta me la da Stanislav , la guida del free walking tour che in realtà è un attore famoso bulgaro ma soprattutto belloccio, questa piazza si chiama Piazza della Tolleranza visto che vede la presenza di una ortodossa chiesa , una cattolica ,la Banya Bashi moschea e una sinagoga. Ha sottolineato che non ci sono mai stati conflitti citando un detto bulgaro “Non sono mai state tirate pietre”.Il motto bulgaro è ‘Unity Makes Strength’ ovvero l’unione crea la forza , è proprio questo dimostra che la coesistenza è più resistente e vantaggioso che il conflitto.

Consiglio caldamente se passate da Sofia di fare il Free Walking Tour , che parte dal Palazzo di Giustizia arrivando alla cattedrale Aleksandr Nevskij. Facciamo una bellissima camminata stimolata da domande storiche e politiche da parte di Stanislav che ci premia con delle deliziosissime caramelle al miele e limone caratteristiche bulgare. Nel gruppo ci sono anche 2 australiani grassi e vecchi , paonazzi dal sole estivo europeo, ma molto acuti .Bevo l’acqua calda termale che dicono faccia molto bene ,sperando che risolva qualche problema , anche se per me ci vuole un miracolo. Arrivati alla cattedrale dopo 2 ore sotto il caldo cocente ,mi sembra di stare nel deserto mancano solo i cammelli .

Inizio a camminare senza meta bighellonando tra quartieri con strade piccole e affollate , gente da tutte le parti , odori di spezie e cibo ,colori sgargianti . Non ho una meta e non so nemmeno dove sono e ciò non mi preoccupa per niente, se Baudelaire fosse ancora vivo direbbe che io flaneuse osservo la modernità , ovvero il transitorio, il fuggitivo, il contingente, la metà dell’arte, di cui l’altra metà è l’eterno e l’immutabile. Negozi di latte e formaggio che sembrano usciti da cartoni per l’uso del rosa e del blu. Cammino , cammino sola e fiera , fiera di essere donna e di essere in vita . E’ uno di quei momenti che vivi senza pensieri e sei felice del qui ed ora (HIC ET NUC )

Noto che nelle strade c’è molta Umanità , non intesa come sensibilità ma come la folla con i suoi pro e contro, cattiverie e ignoranze.Vedo molte Anime Salve a cui rivolgo sorrisi o condivido il mio pranzo o qualche spicciolo.

Torno in ostello entusiasta di questa città di cui non avevo aspettative.

La sera la passo con Sara , la mujera spagnola , Kishora ,l’irlandese , Paul , un francese molto simpatico e intelligente . Tra una chiacchiera e l’altra , gente che va e gente che viene , mi ritrovo con Pablo il messicano seduti uno di fronte a l’altro divisi dal tavolini a ridere come matti e a bere birra , abbiamo mischiato inglese , spagnolo ,italiano e l’opera del Don Giovanni.

Verso l’una torno in camera e noto che il pavimento è allagato… Si all’una di notte io e il receptionist ad asciugare con mop e asciugamani il pavimento di legno.

Verso le 2 morfeo inizia a cullarmi me .

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora